Home / YOU GUITAR WORLD / Big Muff Civil War Sovtek: personalizzare il suono

Big Muff Civil War Sovtek: personalizzare il suono

In questo articolo affrontiamo un argomento che prima d’ora non avevamo mai toccato, parliamo di effetti, di distorsioni, di Big Muff, anzi del Big Muff Civil War Sovtek!

www.chitarrepersonalizzate.it è un blog a tutto tondo, che tratta:

  • soprattutto della personalizzazione di chitarre e strumenti musicaliBig Muff Civil War Sovtek Ram's Head Russia
  • delle creazioni che escono dal nostro laboratorio artistico You Guitar
  • ma anche della personalizzazione come concetto più ampio

Ogni musicista ha dentro di se l’aspirazione di essere unico, avere il proprio strumento, sentirselo addosso come un vestito  cucito su misura.

Parlando di chitarristi la personalizzazione sta non solo nell’immagine (comunque importantissima) ma nell’altrettanto importante ricerca del proprio suono.

In questo ambito vogliamo trattare, per quanto ci compete e nel limite del nostro background personale, anche questo tasto e il Big Muff Civil War Sovtek è stato amore a prima vista, anzi a primo suono!

Big Muff Civil War Sovtek: qualche cenno storico

Il Big Muff Civil War Sovtek nasce all’inizio degli anni ’90, nel 1991 per l’esattezza, e viene lanciato in commercio dalla Sovtek appunto azienda fondata da Mike Matthews nell’anno 1989.

Il nome “Sovtek” è dovuto all’unione di due sostantivi:

  • il primo è Soviet
  • ed il secondo è Technology

Soviet perché Mike Matthews, grazie a dei contatti intrapresi in Russia anni prima, apre la nuova azienda Big Muff Civil War Sovtek Fuzzproprio nell’ex U.R.S.S. (mossa che si rivelerà vincente) per avviare la nuova produzione proprio lì.

Technology, va da sé, sta semplicemente per “tecnologia”.

Il nome Civil War viene coniato invece per via dei colori di questo modello di Big Muff: l’azzurro ed il grigio del case infatti sono un più o meno chiaro riferimento alle casacche dell’esercito confederato e delle truppe unioniste che battagliarono durante la guerra di secessione americana del 1861.

Il Big Muff Civil War Sovtek ha fatto la storia delle distorsioni a pedale assieme ai suoi predecessori:

  • Big Muff Triangle Version
  • Big Muff Ram’s Head (del quale s può dire che sia il degno erede con una differente veste grafica)

Ed al suo fratello di casa Sovtek: il Big Muff Sovtek Triangle Version (di colorazione verde tank).

Struttura massiccia che dà l’idea della robustezza e della potenza, livrea inconfondibile e affascinante, tre potenziometri:

  • Distorsion (in alto centrale)
  • Volume (in basso a sinistra)
  • Tone (in basso a destra)

i cui segmenti immaginari vanno a comporre un triangolo, ed al centro di esso la spia luminosa di attività del pedale.

Suono cremoso, corposo, denso; è difficile descrivere la bellezza in poche righe, soprattutto la bellezza di un suono unico e inconfondibile, possiamo dire che le caratteristiche principali sono:

  • suono potente e definizione incredibile
  • attacco superlativo con basse importanti ma mai invasive
  • aggressività e sustain
  • tono caldo e scuro

L’utilizzo del Big Muff Civil War Sovtek e posizione in pedaliera

Per spiegare comunque meglio la grandezza del Suono portentoso di questo stupendo Big Muff Civil War Sovtek cercherò di pubblicare a breve all’interno di questo articolo un video.

Per ora posso dirvi che a me piace tanto utilizzare il Big Muff Civil War Sovtek con questa impostazione:

  • Distorsion: 4Big Muff Civil War pedal Sovtek
  • Tone: 4 / 5
  • Volume: q.b.

Con un single coil al ponte o con un bel hb ’57 pronto a rombare all’accensione del pedale!

Ovviamente questa parte tocca fortemente la soggettività del suono ed ogni chitarrista troverà la sua impostazione personale, non ce ne sono di sbagliate, bisogna accendere il pedale, imbracciare la propria chitarra e provare!

Uno dei più famosi utilizzatori di Big Muff è stato ed è ancora David Gilmour che ne ha utilizzati tanti nella sua lunga carriera; in particolare la versione Big Muff Civil War Sovtek è stata utilizzata dal chitarrista dei Pink Floyd per:

  • le registrazioni di “The Division Bell”
  • e per il Tour “Pulse” (che suono incredibile aveva in quel Tour il caro David)

Per quanto riguarda l’utilizzo in pedaliera a me piace tantissimo abbinato ad un overdrive (io lo abbino ad un TS 808 Ibanez) al quale abbasso di tanto il livello di gain (2 – 3), inoltre lo abbino anche al Wah Wah con il quale riesco ad avere un suono cremoso ed acido al contempo (come Wah Wah utilizzo un Vox 847).

Personalizzare vuol dire creare, trasformare, mettersi in gioco ogni volta con un’esperienza sempre nuova e mai uguale alla precedente, significa trovare un’idea innovativa, studiare, utilizzare tecniche nuove avendo conoscenza di quelle ormai acquisite, tutto questo ad unico scopo: lavorare su qualcosa di unico!

E’ proprio per questo che oggi abbiamo voluto scrivere di Big Muff e più precisamente del Big Muff Civil War Sovtek, un Fuzz che conosciamo, che amiamo, che ci appassiona per il motivo stesso che ha originato questo blog: la passione appunto nel creare qualcosa di unico!

Contattaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *