Home / LE NOSTRE CREAZIONI / Fender Candy Apple Red: la sfida di riprodurre oggi un colore di altri tempi

Fender Candy Apple Red: la sfida di riprodurre oggi un colore di altri tempi

In questo articolo trattiamo un argomento ostico e spinoso quale la riproduzione fedele dei colori di un tempo al giorno d’oggi: in particolare parleremo del Fender Candy Apple Red!

Il Fender Candy Apple Red è uno dei primi e pochi colori del catalogo Fender ad essere un Custom Color a tutti gli effetti, nato da una combinazione di fattori, proprio in casa del marchio di Leo Fender.

Come ben sappiamo infatti i codici colore di Fender erano solitamente scelti da cataloghi delle case automobilistiche presenti all’epoca:

  • GM America
  • Cadillac
  • Ford America, ecc …

Leo (o chi per lui) si metteva di buona lena a sfogliare i cataloghi dei codici colori automobilistici del colorificio di fiducia e dopo un’attenta fase di scelta arrivava a comporre il suo catalogo colori:

  • Sonic Blue
  • Daphne Blue
  • Fiesta Red
  • Shoreline Gold met.
  • ecc …

Questi citati sopra non sono altro che colori di GM o Ford o altri marchi dell’epoca.

Quindi come nasce il colore Candy Apple Red e soprattutto da quale esigenza?

  1.  l’avvento in quegli anni dei colori metallizzati che spopolarono nel settore Automotive e che diedero parecchie varianti cromatiche in più nella scelta di un colore per verniciare uno strumento.
  2.  l’esigenza di dare nuova linfa ad un catalogo colori in espansione senza attingere solamente dai codici colore del settore automobilistico.

Quest’ultima affermazione comunque non è del tutto vera, infatti il Fender Candy Apple Red è l’unione di un’idea innovativa ed uno sguardo a ciò che già si aveva “in casa”.

Il Fender Candy Apple Red è il primo colore Fender fatto a doppio strato …carteggiata fondo preparazione Candy Apple Red

Che significa? Lo spieghiamo bene qua sotto!

Fender Candy Apple Red: l’unione fa la forza!

Il colore Fender Candy Apple Red non ha un codice preciso perché non è scelto da nessun catalogo di nessuna casa automobilistica.

Fender Candy Apple Red verniciaturaCome detto sopra è l’unione (in due strati) di un’idea innovativa che portò ad un risultato sorprendente:

Il Fender Candy Apple Red è formato da un sottostrato di colore Shoreline Gold met. al quale sopra viene applicato uno strato di colore Transparent Red (rosso trasparente).

L’intuizione più grande è stata quella di applicare l’oro Shoreline Gold met. come primo strato senza andare a miscelarlo con il rosso trasparente.

Il risultato infatti fu sorprendente:

  • il Fender Candy Apple Red è un colore molto profondo e luminescente,
  • un rosso non “sporcato” dalle scaglie di metallo del “piano inferiore” ed anzi esaltato da esse che creano un effetto pulito ed allo stesso tempo di forte impatto.

Va detto che il colore Shoreline Gold met. era già a catalogo nella lista dei colori Fender utilizzati dal buon vecchio Leo.

Non è altro che un codice colore Pontiac utilizzato dalla casa automobilistica dal ’59 al ’60 (Leo lo utilizzò per le sue chitarre dal ’60 al ’65).

Ora veniamo al dilemma che attanaglia i tanti chitarristi che vogliono al giorno d’oggi verniciare la proprio Strato, Tele o altra chitarra che sia, con il bellissimo Fender Candy Apple Red.

Solitamente vi sono due correnti di pensiero:

  • la prima: è quella che nessuno, e sottolineo assolutamente nessun colore dell’epoca denominata “Vintage” possa essere riprodotto fedelmente dai nuovi sistemi vernicianti in commercio oggigiorno.
  • la seconda: è quella che ogni colore dell’epoca denominata “Vintage” non è comunque riproducibile in maniera esatta perché già al tempo tanti colori a catalogo Fender non erano perfettamente uguali da strumento a strumento (affermazione vera che andrebbe approfondita) ed è quindi inutile andare a cercare il colore originale perfetto che non può esistere.

Proverò qui di seguito a sfatare queste due correnti di pensiero che sono a mio avviso frutto di valutazioni non “scientifiche”, dovute ad una analisi poco lucida e più di “pancia” aggrappata soprattutto al mondo delle sensazioni e del “sentito dire”.

Fender Candy Apple Red e tanti altri colori “Vintage” riproducibili oggi (anche con tecniche nuove!)

Il colore Fender Candy Apple Red (come tanti altri colori dell’epoca “Vintage”) è riproducibile oggi senza nessun problema ed è riproducibile addirittura con più tecniche:

la tecnica standard dell’epoca:

  • applicazione del sottostrato Shoreline Gold met. con vernice nitro +
  • sovra applicazione del Transparent Red con vernice nitro

la tecnica standard Premium:

  • applicazione del sottostrato Shoreline Gold met. con vernice acrilica a doppio strato +
  • sovra applicazione del Trasparent Red con vernice acrilica a doppio strato +
  • sovra applicazione di un trasparente lucido a base acrilica

la tecnica “one Step”:

  • applicazione del colore Candy Apple Red riformulato con i nuovi sistemi vernicianti odierni (che hanno il vantaggio di una scelta cromatica molto maggiore) con vernice acrilica a doppio strato in tecnica “One Step” +
  • sovra applicazione di trasparente lucido a base acrilica

Candy Apple Red Fender verniciatura chitarreE’ giusto dire che queste tre tecniche sono state testate nei nostri laboratori ed il colore ha avuto un delta di differenza massimo dello 0,2% (misurazioni effettuate con spettrofotometro).

Quindi è scientificamente provato che per riprodurre il colore Fender Candy Apple Red si possano utilizzare senza ricorrere in differenze sostanziali tutte le tre tecniche descritte qui sopra.

Non ce n’è una migliore dell’altra.

Non ce n’è una migliore neanche per noi di You Guitar (a parte le differenti caratteristiche tecniche tra una vernice nitro ed una acrilica).

Ce n’è sicuramente una migliore per voi …

Per ognuno di voi una può essere soggettivamente meglio dell’altra, proviamo a spiegare meglio questo concetto:

  • 1. La tecnica standard dell’epoca è la preferita dai “puristi”, quel gruppo di chitarristi per i quali la verniciatura deve essere assolutamente nitro (con i pro e i contro di questo tipo di smalto)
  • 2. La tecnica standard Premium: è la preferita di chi vuole un’attenzione qualitativa (anche nel lungo termine) impeccabile
  • 3. La tecnica “One Step”: è la preferita di chi non vuole rinunciare alla qualità dello smalto acrilico a doppio strato e vuole risparmiare qualcosa sul lavoro (con questa tecnica si è riscontrato il delta di differenza dello 0,2% rispetto all’originale)

Fender Candy Apple Red e tutti gli altri … in conclusione:

Fatta questa distinzione andrebbe approfondito molto di più ogni singolo aspetto “pro” e “contro” delle tre tecniche.

Vi invito a scriverci o a contattarci per una chiacchierata se foste interessati a degli approfondimenti o anche solamente per un dubbio.

Ciò che più ci preme far capire è che oltre l’aura mistica e sensoriale che può avere il mondo della verniciatura di uno strumento quale la chitarra elettrica ci sono delle constatazioni oggettive che vanno prese in considerazione:

  • non è vero che tutto ciò che è “più vecchio” è “più bello” o migliore
  • la verniciatura è un mondo in continua evoluzione anche oggi e tutto o quasi tutto è riproducibile con attento studio e ricerca
  • oggi si hanno più strumenti a disposizione per poter riprodurre un colore “Vintage” (oltre alle ancora tante formulazioni originali dell’epoca disponibili e ancora utilizzabili)
  • oggi si hanno più tecniche oltre alle standard dell’epoca (che sono la base di tutto) per arrivare allo stesso risultato in modo più semplice

Tutti questi punti messi insieme vogliono essere uno spunto di pensiero e di approfondimento che ci piacerebbe toccare insieme a voi che ci leggete numerosi.

Quindi leggeteci, scriveteci, contattateci … e sempre … buona musica!

Se anche tu vuoi verniciare la tua chitarra di un bellissimo Fender Candy Apple Red o altri colori “Vintage” contattaci!

 

Contattaci

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *